Le necessità sanitarie dei pazienti in terapia anticoagulante

CREMONA, 8 marzo 2019

Iscrizione Programma

Razionale

L'utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento comporta una formazione specialistica del personale coinvolto. In particolare, anche a seguito dell'introduzione di numerosi farmaci anticoagulanti per il trattamento del tromboembolismo venoso (TEV) e per la prevenzione cardioembolica nella fibrillazione atriale non valvolare (FANV), si evidenzia la necessità di un adeguamento delle conoscenze relative alle caratteristiche farmacologiche delle molecole e delle necessità sanitarie dei pazienti. 

In questi ultimi anni si osserva un aumento delle complessità relative alle diverse tipologie di pazienti, complessità derivanti dall'aumento dell'età, dalla coesistenza di numerose comorbosità, dalla presenza di trattamenti farmacologici multipli. Queste condizioni portano all'attenzione dei medici pazienti estremamente complessi, dove le decisioni cliniche e terapeutiche devono necessariamente prendere in considerazione i numerosi aspetti e non solo la patologia per la quale il trattamento anticoagulante "di per sè" è indicato. 
In base a queste premesse, il Convegno di Cremona del 2018, che rappresenta un appuntamento annuale da oltre dodici anni per tutti coloro che operano nell’ambito delle terapie anticoagulanti, ha lo scopo di affrontare le tematiche più complesse e, soprattutto, evidenziare le difficoltà relative alla scelta terapeutica più adeguata e al modello gestionale più efficace rispetto ai pazienti più complessi e fragili. La giornata si articola in sessioni che hanno lo scopo di presentare le evidenze più recenti del mondo scientifico e la loro applicazione nella pratica clinica.
L’argomento trattato rappresenta attualmente un tema di grande interesse per i medici che operano sia all’interno delle strutture ospedaliere che sul territorio. Obiettivo finale di questa giornata è fornire informazioni scientifiche aggiornate che permettano ai medici e al personale sanitario di conoscere le necessità sanitarie del paziente in terapia anticoagulante, per potere favorire la sicurezza e efficacia ai trattamenti.